Guida per principianti - Tutto quello che c'è da sapere

Il forum giusto per chi si sta avvicinando a questo fantastico sport e non sa bene come iniziare.
Avatar utente
ilnaco
Messaggi: 5347
Iscritto il: 03/10/2011, 9:35
Team: Poserz
Località: Bologna Modena Ferrara

Guida per principianti - Tutto quello che c'è da sapere

Messaggio da ilnaco » 28/02/2012, 11:18

GUIDA IN CORSO DI REALIZZAZIONE. SI ACCETTANO CRITICHE E CONSIGLI.
(Segnalatemi anche eventuali errori =D )


Oggi mi prendo un po di tempo a buttare giù due righe per aiutare i nuovi arrivati a scegliere la prima tavola.

Inizio con il dire che per un principiante tutte le tavole son "uguali" e quindi all'inizio non fatevi grosse paranoie sul primo acquisto.


Nozioni generali
Il longboard è una tavola di legno (che può essere acero, betulla, bamboo e può essere rinforzato in fibre varie come fibra di vetro oppure fibra di carbonio).
Attaccati alla tavola vi sono 2 carrelli (trucks), ed ad ogni carrello ci sono 2 ruote. Totale 4 ruote.
Dentro ogni ruota ci vanno 2 cuscinetti (e uno spacer, per tenere i cuscinetti in posizione). Totale 8 cuscinetti e 4 spacer
Dimensioni, forme, materiali ecc ecc, cambiano in base a quello che uno vuole fare.


Specifiche base di una tavola da longskate
-Come già detto la prima tavola è abbastanza indifferente, la grossa differenza è tra averla e non averla!

-Lunghezza:Nel longboard non c'è un rapporto tra lunghezza della tavole e altezza del rider. Le regolazioni personali si fanno in base al peso e si fanno sui truck.
La lunghezza dei longboard dipende dalla disciplina e non è realmente importante, quello che incide di più è il wheelbase (=interasse,vedi sotto).

-Larghezza: Non è quasi mai importante tranne nelle discipline dove si va veloci, solo li bisogna tener conto della larghezza (che difficilmente comunque è un limite), in quanto bisogna avere un buon appoggio del piede (per la stabilità appunto) e quindi se avete un piede grande è bene che la tavola sia larga a dovere. Ma ripeto, solo se si va forte. Alle basse velocità non è assolutamente un limite.

-Il wheelbase (=interasse): è il passo della tavola, misurato come distanza tra i buchi più interni per montare i trucks.
Incide il wheelbase? Moltissimo.
Un wheelbase corto garantisce agilità e curve strette, mentre un wheelbase lungo assicura stabilità anche ad alte velocità a scapito della agilità.
Per il DH infatti si va dai 28" in su (mediamente intorno a 30/31"), nel freeride invece si sta mediamente sui 28" (ma per percorsi con molti tornanti stretti o per fare molti slide si scende anche a 26"). Nello slalom invece si arriva perfino sotto i 20". (NB: Nelle discipline non estreme come il carving/cruising è un quasi trascurabile, come moltre altre cose del resto!)

-Il flex: il flex è la rigidità della tavola, ovvero è quanto si piega la tavola con il nostro peso semplicemente salendoci. Le tavole da velocità son prive di flex (la tavola è molto rigida) per garantire stabilità ed essere precise sotto i piedi. Tavole che non prevedono alte velocità possono avere del flex. Il flex garantisce un andatura molto fluida, assecondando molto i movimenti del rider, offrendo un feeling "surfistico". Non esiste uno standard tra i produttori per misurare il flex, la cosa migliore è provarlo e confrontarlo con altre tavole.


-Tipi di montaggio dei truck:
Principalmente sono due (NB: i truck son gli stessi, cambia solo come li attacchi alla tavola)
Topmount e Dropthrough
  • Nei Topmount i truck son montati sotto la tavola. Immagine Vantaggi:
    -si ha maggiore trazione e grip in curva.
    -si ha molto più controllo in curva.
    -si fa una maggiore leva sul truck.
    Svantaggio:
    -altezza della tavola maggiore, percui minore stabilità e più scomodi da spingere.
    Altro:
    Sul top mount si gira di fino, grazie alla leva maggiore che si fa sul truck e alla maggiore precisione delle traiettorie! Le curve si pennellano e anche piccole variazioni (ti traiettoria o di spostamento del peso) influiscono molto.
  • Nei Dropthrough C'è uno scasso che consente di attaccare il longboard da "sotto" il truck. Immagine Vantaggio:
    -altezza minore da terra, che garantisce stabilità e comodità di spinta. Maggiore controllo degli slide.
    Svantaggio:
    -si ha meno controllo in curva.
    Altro:
    Minor grip in curva(che può essere uno svantaggio in DH o in carving, ma un vantaggio per chi cerca gli slide).
    Inoltre il DT si ridea di fisico! Nel topmount l'enorme leva che si fa sui truck permette di curvare stretto senza grabbare e di pennellare traiettorie pulite. Nei dropthrough invece si guida a badilate, sbattendo la tavola di qui e di là per far si che entri in curva e si grabba la tavola come un taglia legna grabba l'accetta.

-Rocker vs Camber: Immagine Come vede nell'immagine qui sopra il rocker è una pancia in basso, mentre il camber è una pancia in alto, oltre a queste due possibilità c'è ovviamente la più diffusa che il flat (ovvero pari).
  • Camber
    Il camber è tipico delle tavole da slalom, delle tavole da pump e di molte tavole che flettono. Che vantaggi porta? Come avrete immaginato già dagli usi "tipici" rende la tavola un po più reattiva ai comandi del rider, anche se non è il massimo in tavole da velocità (che esistono ma son molte poche).
    Nelle tavole con molto flex il camber è usato per compensare la "spanciata" della tavola: quando il rider sale, la tavola con il camber flette fino a diventare quasi flat!
  • Rocker
    Usato principalmente in freeride.
    Che vantaggi/svantaggi porta il rocker?
    Una tavola con rocker blocca meglio i piedi di una senza, diciamo che è come avere un po di più di concave.
    Inoltre il rocker va spesso a influire sul truck facendo un leggero wedge (in quanto il truck viene montato con un angolo diverso rispetto a una tavola flat, vedere post successivi).
    Le tavole con rocker risultano un po più basse rispetto alle concorrenti flat, in quanto la zona dove appoggi i piedi è più in basso rispetto a una tavola pari.
-Tipi di concave: Radiale, W (doppio), Flatcave Immagine Vedete l'immagine qui sopra, non c'è molto da dire.
Ogni rider ha le sue preferenze.


Le discipline principali del longboard

Dancing:
Consiste nel "ballare" sulla tavola, ovvero fare dei passettini sul long. Le velocità sono basse (in pianura o leggera discesa, tanto per non doversi spingere).
Le tavole da dancing hanno una principale caratteristica: son di solito lunghe (oltre i 45" in genere). Le altre caratteristiche incidono relativamente e son a preferenza del rider, ma in linea di massima quello che conta è il flex giusto ed un buon rebound.
La tendenza del dancing moderno è una tavola con doppio kick, leggero concave e leggero rocker (anche se alcuni rider preferiscono tavole con camber).
http://www.youtube.com/watch?v=2AvNxl-SCTw

Carving:
Leggere discese, da fare in tranquillità, magari qualche passo di dancing, ma soprattutto carvando di continuo.
Le velocità sono basse e se si va in discesa si mantiene la velocità sotto controllo carvando di continuo (scendendo praticamente a zigzag).
Si carva con qualsiasi tavola, ma molti amano le tavole che vanno mediamente dai 35" ai 45" e hanno la forma pintail (tipo surf). Son tavole che non prevedono grandi velocità, quindi generalmente fletto un pochino (hanno un po di flex), ma non un esagerazione.
http://www.youtube.com/watch?v=mXqmRAUsn9U

Freestyle:
Consiste appunto nel fare i trick con il longboard.
Velocità basse.
Le tavole devono ovviamente avere kicknose e kicktail pronunciati, per agevolare i trick.
Le altre caratteristiche son a discrezione del rider, a seconda dei gusti. Possono esserci tavole topmount o drop, piuttosto che rigide o con flex... dipende da come ci si trova!
http://www.youtube.com/watch?v=f5guSa1jfwA

Freeride:
Qui le discese iniziano a diventare impegnative, ma si scende "piano" perchè si fanno molti slide che contengono la velocità. Come dice il nome, lo stile è molto libero, ma per lo più si tende a fare slide in continuazione (meglio se standup, stando in piedi).
Le velocità son medie/alte, per questo le tavole devono essere rigide (non devono flettere) e siccome si inizia ad andare "veloci" le tavole hanno lunghezze (per lo più) superiori ai 38", per garantire una certa stabilità, anche se ciò che conta in realtà è l'interasse, non propriamente la lunghezza totale.
Oltre alla rigidità, devono avere un buon concave (magari abbinato ad un grip a grana grossa) che possa evitare scivolamenti del piede.
In genere sono più larghe di quelle da passeggio: infatti vanno sui 10" circa.
http://www.youtube.com/watch?v=HUDSu2Y8iEQ

Downhill:
Discesa, meglio se forte e solo ricerca della massima velocità.
Tavole rigidissime, con passo medio-lungo (oggi c'è una tendenza ad accorciarlo). Siccome è uno sport molto estremo le soluzioni dei produttori si sprecano e non è raro vedere tavole costruite con materiali molto particolari come alluminio o carbonio.
Le caratteristiche della tavola sono molto simili a quelle da freeride.
http://www.youtube.com/watch?v=H8mgWrTXNtM

Techslide:
Discesa anche molto forte, ma si scende facendo slide su slide su slide.
Le tavole sono corte, con ruote piccole e dure, e sono in genere double kick (doppio kick, stile skate), spesso molto simili allo skate classico, chiamate volgarmente "skateoni" perchè riprendono la forma dello skate classico. Ma ciò è comunque relativo al modello.
Un video più di mille parole:
http://www.youtube.com/watch?v=McDgT4Bvp2s

Slalom:
Seplicemente slalom tra i birilli.
E' (insieme al DH) la disciplina più estrema dello skateboard. Le tavole son specifiche, le ruote son specifiche e i truck son specifici. Con una tavola da slalom fai solo slalom.
http://www.youtube.com/watch?v=PQ3oOQMPKXw

LDP (Long distance Pump):
E' una tecnica molto avanzata di riding che consente di accelerare e mantenere la velocità senza spingersi con il piede.
Ci vuole molta pazienza e una tavola specifica per imparare. E' praticamente come fare running: superamento del proprio limite imparando il movimento ed allenandosi a tenerlo per lunghi tratti. Ci vuole tanta pratica e anche tecnica.
http://www.youtube.com/watch?v=eZVlemva8hs

Ecco una lista in costante aggiornamento dei brand considerati affidabili: viewtopic.php?f=14&t=8897



Consigli personali
-Non fatevi troppe paranoie sui materiali. Comprate, girate e imparate. Solo così saprete le vostre esigenze e sarete in grado di scegliere le cose migliori per voi.

-Meglio spendere qualcosa di più all'inizio che vi garantisce durabilità e mantiene il prezzo sull'usato, piuttosto che una tavola economica che dopo dovrete sicuramente cambiare ma non riuscirete a rivendere. Il discorso può cambiare grazie all'elevata scelta che oggi il mercato propone, grazie a marchi comunque economici ma che permettono di sfruttare la tavola fino in fondo, acquisendo esperienza e consapevolezza sia delle proprie capacità sia dello scopo di utilizzo a cui si voglia aspirare.

-IL CASCO DOVETE COMPRARLO. Potete comprarne uno economico da skateboard, oppure un fullface da MTB, non importa. Importate è averlo! SEMPRE!

-Altamente consigliati anche i guanti da slide (che si possono anche costruire in casa vedi qui ) e le ginocchiere. Delle gomitiere se ne può fare a meno, ma vi risparmiano comunque qualche abrasione.
Quello che conta sono il rider e i gommini!
Smettetela di farvi paranoie su cosa comprare. Ruote, deck e truck contano poco!

Avatar utente
ilnaco
Messaggi: 5347
Iscritto il: 03/10/2011, 9:35
Team: Poserz
Località: Bologna Modena Ferrara

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da ilnaco » 29/02/2012, 11:05

Il Truck
(segnalatemi eventuali errori)

Truck o carrello, chiamatelo come volete!
Partiamo da dire da cosa è composto un truck:
  • Pivot cup, che è contenuto dentro una basetta (Baseplate)
  • Assale (hanger)
  • Gommini (bushing)
Immagine Immagine


In foto notiamo la differenza tra axle e hanger.
Immagine

La misura di un truck (ad esempio il classico RKP - vedere dopo cosa è - da 180 mm) è quella presa misurando l'hanger e basta, cioè la distanza di battuta dei cuscinetti della ruota. Ogni ruota ha poi le sue forme e quindi può cambiare comunque questa misura (cambiando quindi anche il feeling e trazione).


La baseplate è la parte fissa attaccata alla tavola, sull'hanger son attaccate le ruote e si congiunge alla baseplate con un Pivot cup (una coppetta di plastica dura o morbida). Inoltre c'è un bullone grosso (kingpin abbreviato tante volte in kp) che passa attraverso i gommini.

I truck si dividono in due grandi famiglie, che si differenziano per la posizione del kingpin (e quindi dei gommini) rispetto all'asse delle ruote).
Queste due grandi famiglie sono:
  • Tradizionali (TKP: Tradizional Kingpin)
    Dove l'asse sta DAVANTI al kingpin. Immagine Immagine
  • Invertiti (RKP: Reverse Kinpin)
    Dove l'asse sta DIETRO al kingpin. Immagine Immagine


Funzionamento
I truck in entrambi i casi hanno un Pivot axle, attorno al quale girano, provocando la sterzata.
il pivot axel parte dalla punta dell'hanger (che infilata appunto dentro al pivotcup, e passa per il punto dove si incontrano il kingpin e l'hanger. Immagine Immagine
Angolo di inclinazione
Abbiamo dunque visto che tutto ruota intorno al pivot axle, centro focale della geometria del truck, e vista la sua importanza è anche uno dei parametri più importanti nella scelata di un truck!
Infatti, a seconda del truck, il pivot axel può essere più o meno inclicano, facendo si che a parità di inclinazione del deck (LEAN) la sterzata sia maggiore o minore. Immagine Immagine Ma cosa comporta?
Nei RKP:
Un truck con un angolo di 50° curverà molto più stretto di uno a 45°.
Fondamentalmente diciamo che si usano i truck RKP a 50° per tutti gli usi, ad esclusione del DH (ma quello veramente veloce) dove si preferisce scendere ai 45° (o anche sotto se fate scattare i velox).
Il truck a 50° è il più diffuso perchè è molto versatile.

Nei TKP invece non è mai specificato l'angolo di inclinazione, ma la geometria fa si che carvino molto, almeno come i rkp 50°, ma spesso anche maggiormente.
L'unico modo per saperlo comunque è provarli, perchè ripeto, i produttori non specificano mai l'angolo.

Il Rake
E' l'offset che ha l'asse sul quale stanno le ruote (da ruota a ruota) rispetto all'asse formato dall'asse del pivot. Immagine Come funziona?
I truck senza rake (tipo i caliber) son uguali sia da un lato che dall'altro.
I truck con rake (tipo randal) son più alti ed agili se tenuti dritti, e più bassi e stabili se flippati.

Fondamentalmente cambia la forza che fai sui gommini. L'angolo di sterzata massimo non varia (quello è dato dall'inclinazione del pivot e quindi dalla basetta) ma cambia il rideing.
Dal lato pratico è come avere 1° in più ogni 1,5mm di rake positivo. I randal hanno 3mm di rake, quindi dritti è reagiscono come se fossero 50° (della basetta) + 2 del rake (ovvero 52°), mentre se flippati si comportano come un 50° -2° (ovvero 48°).

Ma ripeto, in realtà l'angolo è sempre 50° (ed è quelo che dà la l'ampiezza della curva), ma se sono dritti son un po più reattivi, se flippati un po' meno.


Wedge o dewedge?
Quando non siamo soddisfatti di come curva il nostro truck possiamo incidere direttamente sull'angolo di inclicazione con degli spessori angolari.
Se li montiamo in modo da AUMENTARE l'angolo del truck stiamo facendo un Wedge, se invece montate lo spessore in modo da DIMINUIRE l'anggolo del truck, allora state facendo un Dewedge.

Ovviamente l'aumento dei gradi è diretto. Ovvero se avete un truck rkp a 50° e lo wedgiate con spessore angolare da 5° otterrete un truck da 55°, che quindi curva stretto, al contrario se lo montate come dewedge i gradi diventano -5 e quindi il vostro truck lavorerà come un 45°.

In genere comunque si opera un wedge sia davanti che dietro se si vuole una tavola che curva maggiormente o un wedge davanti e un dewedge dietro per avere una tavola (fortemente direzionale) ma più stabile in DH.
Qui sotto una tabella delle modalità più diffuse di wedge/dewedge. Immagine
Principali differenze tra TKP e RKP
Altezza da terra
-I TKP risultano sensibilmente più bassi da terra
-A termine di paragone: Paris 61mm e indy 51mm

Wheelbase
-I TKP allungano il wheelbase in modo significativo rispetto ai RKP

Comportamento
- In linea di massima i TKP curvano molto di più, il che li rende intrinsecamente più instabili ad alte velocità.
- Ma come prima: un conto è la teoria, altra cosa è la pratica. Diciamo che un RKP a 50° settato molto morbido può avvicinarsi al comportamento di un TKP. E ora la riflessione è: vi buttereste ad alte velocità con un RKP a 50° settato morbido? ovviamente no.
- Altra faccia della stessa medaglia è: un TKP settato con gommini doppio barrel abbastanza duri diventa abbastanza stabile avvicinandosi ai RKP.

Quando scegliere uno e quando scegliere l'altro
Indovinate un po'? DIpente da quello che andate a fare!
:lol:
E' facile dire che ci son molti terreni dove non si pestano i piedi:
DH: Sicuramente RKP, con angoli minori di 50°! Dipende tutto dalle velocità che uno deve fare ;) si vai dai 45° dei sabre, ai 44 dei caliber oltre ai 42 dei randal fino a quelli veramente tirati che possono essere 35° e anche 28°!

Dalla parte opposta trovi:
SLALOM: dove prendi sicuramente truck a TKP, con hanger stretti e settati molto morbidi.

Il bello viene in quei terreni dove è concesso un po tutto:
Carving e freeride.

Carving: I truck TKP curvano "più velocemente" e mediamente hanno un angolo di sterzata maggiore, quindi per il carving son perfetti. Ma anche un RKP a 50° (o più) settato morbido va comunque molto bene! Dipende dai gusti personali.

Freeride: Nel freeride dipende tutto dalle velocità che uno arriva a fare però diciamo che ci son due grandi filoni di pensiero su come far slideare le ruote:
A- La forza la metto io con il mio peso e la mia spinta. Come? con trucks RKP a 50° settati medio/duri oppure con trucks a angoli inferirio di 50° (tipo 44°) settati morbidi. Cosa ottengo? che posso buttare il mio peso tutto fuori dalla tavola (perchè questa curva relativamente poco) e sfruttare il fatto che la "scarico" dal mio peso (oltre ovviamente a spingere con le gambe).

B- Sfrutto la forza centrifuga e la mia spinta. come? con truck RKP a 50° settati morbidi o con trucks TKP. Cosa ottengo? che quando vado a buttare il peso fuori dalla tavola questa curva mooolto e perde aderenza per via della forza centrifuga (e della mia spinta). In questo secondo caso per far slideare la tavola devo buttare meno fuori il peso perchè mi aiuta anche molto la forza centrifuga.

Ovviamente è sempre un combinazione delle due cose però la distinzione è abbastanza netta.
Dipende dalle velocità che si vuole fare:
Se si scende veloci è consigliabile la A, dove la tavola è comunque più stabile anche se per farla slideare devo buttare fuori il peso. Mentre invece se si scende "con calma" ovvero uno slide dietro l'altro e non si raggiungono velocità clamorose si può stare sul B, dove anche a velocità "bassa" la tavola parte bene.

Questo è quello che dice la teoria, ovviamente uno deve provare tutte e due le cose.
Comunque come tutte le cose è una questione molto di gusti e di stile personale.

FASCE DI PREZZO E CARATTERISTICHE
Diciamo che ci son 4 fasce di prezzo:
  • Pressofusi economici: Meno di 40/50€ la coppia
    Truck economici (generalmente cinesi sia di produzione che di standard qualitativo), spesso copie dei truck di marca. Son leggeri, fatti con materiali economici e dopo poco si arrugginiscono, si spaccono i kingpin, si piegano gli assali. Hanno anche gommini davvero penosi. DI solito sono presenti nelle tavole ultra economiche.
  • Pressofusi di "qualità": tra 50 e 80€ la coppia
    In questa categoria ci ricadono i vadi Randal, Caliber, Bear, Sabre, Holey, Tracker,Independet, ecc ecc. E con i V2 anche i Paris si ritagliano uno spazio in questa fascia (prima non valevano quei 60€). Son truck pressofusi (in genere alluminio, iniettano in stampi appositi), ma oramai i processi hanno raggiunto un buon livello e quindi son truck dignitosi. Son molto più resisteni, duraturi e meglio rifiniti dei truck cinesi di bassa qualità (ricordiamo che la maggior parte dei cast truck sono comunque prodotti in Cina, ma con standard degni).
    Si infilano in mezzo alle due fasce i Ronin cast, precisissimi grazie al pin, ma costosi quasi il doppio (circa 100€ la coppia in linea di massima).
  • Precision truck "economici": dai 120 ai 250€
    Ricavati dal pieno, con lavorazioni di precisione. Son molto più resistenti, ma a parte questo, son proprio... PRECISI!
    Non hanno colpi a fine corsa e anche nell'impostare le curve son proprio puliti e lineari. Fino a che uno non li prova non può capire =D
    Rispetto ai pressofusi, i truck precision son proprio un altro pianeta.
    In questa categoria ci cadono i vari Surfrodz (dagli Indeesz, ai rkp), i Devil-Rey, alcuni Buzzed, etc
    NB: come fascia di prezzo ci ricadono anche gli Helium, ma gli helium fanno parte della categoria successiva!
  • Precision truck "costosi": dai 250€ in su
    E qui oltre che la qualità e la precisione si pagano anche nome e scelte tecniche all'avanguardia e materiali prestigiosi.
    I più diffursi son sicuramente gli Aera e i Ronin, ma ce ne sono tanti e tutti ESTREMAMENTE validi! Come i Bear precision, i Genghis Raptor, i Kalahani, i Plasma ecc ecc

I TKP fondamentalmente son di due tipi:
i simil Independent e i simil Tracker Dart
Indy vs T. Dart
Che differenza c'è tra i due?
Basta un occhiata e la differenza stra nel pivotcup.
Negli Independent il pivot cup è dritto, mentre nei T. Dart è inclinato (formano uno spigolo nel hanger). Quello dei Dart si chiama BEN PIVOT.
Indy: Immagine Ben Pivot dei Dart: Immagine Cosa comporta questa differenza? che i Tracker son LINEARI. Ovvero che il truck si comporterà sempre alla stessa maniera, sia che è ad inizio curva sia che è alla fine. Più spingo più curva, in modo costante.
Mentre gli Indy son PROGRESSIVI. Ovvero che il truck ad inizio curva risponderà MOLTO anche a piccole variazioni di inclinazione del deck, ma poi se si continua a inclinare il deck il truck risponderà sempre meno, fino a fine curva dove grandi differenze di incliazione del deck comportano piccole differenze di curva.
Qui sotto si vede la rifferenza tra i T. Dart lineari e gli Indy progressivi. Immagine NB:tutti i truck RKP son lineari


Differenze di larghezza dei truck
Domanda che spesso mi viene fatta è: cosa cambia tra un truck largo 200mm, uno largo 180mm e uno largo 150mm?
La principale differenza è la "velocità" di risposta ai comandi.
Ovvero in un truck più stretto la ruota deve fare meno strada per arrivare al massimo della sterzata, quindi è ovviamente più veloce ad arrivare al massimo della sterzata...
PERo' LA CARVATA AVRA' LO STESSO PERCORSO: Immagine I truck più larghi o più stretti girano nello stesso spazio. Quello che incide son altri fattori.
C'è da dire però che nell'uso quotidiano proprio per la loro velocità di sterzata si dice che un truck stretto è più nervoso e meno stabile, rispetto a uno largo che è più "lento" a curvare e quindi intrinsecamente più stabile.
E' per questo che nello slalom dove si curva di continuo si preferiscono generalmente truck strettissimi mentre nel DH, dove serve stabilità, si usano generalmente truck più larghi (ovviamente c'è chi fa il campionato mondiale di DH con truck stretti come quelli da slalom, quindi capite che è solo gusti e anche scelta tecnica in base al tracciato).
Anche se ripeto: l'angolo di sterzata è identico tra un truck stretto e uno largo.


Compatibilità dei RKP
Qui sotto trovate una tabella di compatibilità tra le basette e gli hanger dei principali RKP.
Come vedete i vari randal/caliber/paris/sabre/holey son tutti intercambiabili tra loro, mentre i bear fanno razza a parte (Anche se si possono adattare). Immagine
Quello che conta sono il rider e i gommini!
Smettetela di farvi paranoie su cosa comprare. Ruote, deck e truck contano poco!

Avatar utente
ilnaco
Messaggi: 5347
Iscritto il: 03/10/2011, 9:35
Team: Poserz
Località: Bologna Modena Ferrara

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da ilnaco » 29/02/2012, 11:05

Ruote & Cuscinetti
(In corso di realizzazione)

Ruote
Dividerò la guida in due parti: la prima parte elenca le varie caratteristiche che possiamo trovare in una ruota, la seconda parte comprenderà gli usi principali e tutto quello che rimane fuori dalla prima parte.

Prima di iniziare però ci tengo a sottolineare che:
TUTTE LE RUOTE SLIDANO
Nel mondo del longboard c'è un mito che dice "ruota dura slida meglio"... è sbagliato!
Come tutte le cose va a preferenze, le ruote dure slidano DIVERSO, ma TUTTE le ruote slidano.
E' ovvio che la difficoltà è relativa alla ruota, quindi una ruota creata apposta per un certo scopo si comporterà sicuramente meglio di una ruota pensata per altro scopo.
All'inizio comunque bisogna solo crederci e "buttarsi" fuori. Il video tutorial di Dave sugli slide aiuta sicuramente moltissimo.


Anatomia delle ruote
Diametro (Altezza)
Il diametro di una ruota è un fattore abbastanza importare.
Il primo punto è sicuramente che:
Ruota grande = Maggiore velocità massima
Ruota piccola = Maggiore accelerazione
Questo perchè le ruote piccole devono superare meno inerzia di una ruota grande (e per questo accellerano più veloci), mentre per la velocità massima invece è dato dalla capità di girare del cuscinetto:
a velocità elevata il cuscinetto esercità una grande frizione al suo interno che ne limita il numero di giri, ma una ruota grande a parità di giri fa molta più strada di una piccola!
Un altro fattore che si nota è che le ruote grandi girano MOLTO meglio sulle superfici non perfette e anche pochi mm fanno una grande differenza.
Al momento della scelta bisogna anche considerare il fatto wheelbite, ovvero che in curva la ruota possa toccare il deck! Vi assicuro che non è una bella esperienza! Quindi prima di comprare ruote troppo grandi valutate anche quest'aspetto.
Ultimo fattore da considerare è il PESO: una ruota grande pesa di più di una ruota piccola. Cosa comporta questo? che una ruota grande ha molta più inerzia, che è ottima se si fa cruising (ci si spinge molto meno) ma è scomoda in freeride! Perchè una ruota pesante perde grip dopo una ruota piccola (perchè con il suo peso è più "incollata" all'asfalto) ed è anche più difficile da controllare in slide. Per questo la maggiorparte delle ruote da freeride son da 70mm ;) Immagine Quindi ricapitolando i fattori che entrano in gioco con il diametro sono: accelerazione, velocità massima, capacità di superare gli ostacoli, wheelbite e peso della ruota.

Larghezza e contatto a terra
La larghezza è poco significativa, quello che conta è il contatto a terra.
Più è ampia la superficie di contatto maggiore sarà il grip e le ruote saranno meno progressive, ma allo stesso tempo sarà molto più difficile fare flatspot (vedi sotto).
Ruote strette al contrario slidano molto prima, ma si consumano molto più velocemente ed è più facile fare flatspot/ovalizzarle (perchè il vostro peso è distribuito su una superficie minore di ruota!). Immagine Ricapitolando:
Contatto a terra piccolo = slide prima e meglio, ma ruota che si consuma velocemente e alto rischio flatspot e ovalizzarle
Contatto maggiore = più grip e slide più bruschi, ma ruota che dura di più e meno rischio che si rovini

Tipi di spalla (margine o spigolo)
Ed eccoci, al fattore più importante e più facilemente distinguibile. Quello che fa la maggior differenza di rideing (un po come il wheelbase nella scelta del longboard o l'angolo del pitvot nel truck).
La spalla della ruota infuenza COME una ruota slida e QUANDO una ruota slida.
Ci son molti tipi di spalla, ogni casa ha il suo, ma si posso racchiudere in 3 grandi categorie:
  • Margine quadrato
    Tendono ad essere meno progressive e con più grip. Ovvero il passaggio da Grip a Slide è molto netto.
    Questa è la forma (shape) che assicura il massimo grip. Fattore importante è lo spessore del margine quadrado (nel disegno qui sotto chiamato "lip thickness"): da nuove è massimo e quindi si ha il massimo grip, ma una volta consumata quella spalla la tenuta sarà molto inferiore. Immagine
  • Spigolo vivo
    Sono una via di mezzo tra quelle a margine quadrato e quelle a margine tondo. Son poco diffuse. Immagine
  • Margine arrotondato
    Le ruote con la spalla tonda son quelle che slidano prima, meglio e son molto prevedibili. Il passaggio da grip a slide è dolce e più controllabile rispetto a una ruota a margine quadrato.
    Queste ruote son quindi più facili da slideare ma non son consigliabili per chi vuole carvare forte o fare velocità. Immagine
Core
Il core è senza dubbio l'elemento PIù IMPORTANTE in una ruota. Da esso dipendono numerosi fattori come l'uniformità del consumo, la rotondità della ruota, il comportamento in slide, la ventilazione dei cuscinetti ecc ecc

Visto l'importanza dell'argomento lo divideremo in tre sottoargomenti: materiale, posizione, forma/dimensioni.
  • Materiale
  • Posizione Immagine
  • Forma e dimensioni


Mescola e Durezza




Cuscinetti
Come è fatto un cuscinetto: Immagine Sui cuscinetti non scriverò niente perchè ha già scritto tutto vizu e trovate tutto quello che serve qui:
topic3531.html



Video che spiega bene i cuscinetti:


Video che spiega bene il funzionamento del complesso Ruota-Cuscinetto-Spacer:
Quello che conta sono il rider e i gommini!
Smettetela di farvi paranoie su cosa comprare. Ruote, deck e truck contano poco!

Avatar utente
ilnaco
Messaggi: 5347
Iscritto il: 03/10/2011, 9:35
Team: Poserz
Località: Bologna Modena Ferrara

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da ilnaco » 22/03/2012, 10:28

Assemblaggio, Setup e Manutenzione
(In corso di realizzazione)

Assemblare un longboard o uno skateboard è estremamente facile.
Avete bisogno di:
  • Una tavola
  • un foglio di grip (qualora il deck non sia già grippato)
  • 8 viti (lunghezza dipende dalla tavola, si vai 3cm ai 4,5cm)(larghezza dei fori è 5,5mm perchè è americana, ma le viti da 5mm che prendete in ferramententa vanno benissimo)
  • 8 dadi autobloccanti (che vadano nelle viti, quindi da 8mm se li prendete in ferramenta, mentre son da 10mm se avete quelli americani)
  • Due truck da attaccare alla tavola (compresi di bulloni/gommini/washer e speedring, ma è tutta roba con la quale son venduti quando li comprate).
  • 8 cuscinetti e 4 spacer (qualche volta venduti insieme ai cuscinetti)
  • 4 ruote



Come attaccare il grip


Come montare e smontare Ruote/cuscinetti


Manutenzione
-Controllare sempre che i bulloni che fissano i truck al deck e le ruote ai truck siano ben serrati
-Pulire i cuscinetti se fanno rumore, prima che si rovinino.

Quando devo pulire i cuscinetti?
Non c'è un giorno o un momento preciso, semplicemente li pulite quando sono sporci!
Se andate in una strada con molta polvere dovete pulirli anche dopo ogni giornata, se andate in una strada pulitissima invece non li pulirete mai in due stagioni.
Quando vi accorgete che non girano più bene (ovvero che quasi non girano proprio) è forse arrivato il momento di pulirli.

Come pulirli?
un video più di mille parole (grazie Daniele!)
Quello che conta sono il rider e i gommini!
Smettetela di farvi paranoie su cosa comprare. Ruote, deck e truck contano poco!

Avatar utente
jartfan
Messaggi: 631
Iscritto il: 22/05/2011, 16:06
Località: firenze
Contatta:

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da jartfan » 06/04/2012, 11:23

ben fatto
questo topic è utile e risolutivo. Forse andrebbe inserito in una sezione espressamente didattica per neofiti
j.
HOLD FAST!

Uanza
Messaggi: 6
Iscritto il: 11/04/2012, 19:43
Località: Milano

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da Uanza » 24/04/2012, 11:48

Complimenti, guida completa e ottima!!!!! forse aggiungerei delle postille su come, a parità di costruzione la larghezza e il tipo di concave influiscono sul flex, specie per chi compra online senza vedere la tavola prima di persona!
Landyachtz Chinook 2012
R-2 50°
In heat 80a

Eccciao.

Avatar utente
ilnaco
Messaggi: 5347
Iscritto il: 03/10/2011, 9:35
Team: Poserz
Località: Bologna Modena Ferrara

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da ilnaco » 24/04/2012, 12:26

Uanza ha scritto:Complimenti, guida completa e ottima!!!!! forse aggiungerei delle postille su come, a parità di costruzione la larghezza e il tipo di concave influiscono sul flex, specie per chi compra online senza vedere la tavola prima di persona!
Grazie! la guida è un punto di partenza, ma bisogna scrivere ancora tanto, e non ho molto tempo.
Comunque il flex ho scritto che bisogna provarlo, non c'è alternativa... ed è così che la penso.
Abbandonate le tavole con il flex! Datevi alla discesa!
Quello che conta sono il rider e i gommini!
Smettetela di farvi paranoie su cosa comprare. Ruote, deck e truck contano poco!

elnoxee
Messaggi: 7
Iscritto il: 29/04/2012, 15:40

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da elnoxee » 29/04/2012, 15:55

Ciao ragazzi!
mi sono appena iscritto, mi sono letto tutta la bella spiegazione tecnica in questo post. Credo di aver capito parecchie cose, ed in questo momento mi trovo molto più perplesso ed indeciso di prima (beata la mia ignoranza!).

La questione è questa:
vorrei comprare la mia prima tavola senza spendere una valanga di soldi.
Siccome non mi sento ancora in grado di scegliere quale tipo di trucks &co sono più adatti a me (visto che non ho ancora un mio stile :)), siete in grado di darmi un consiglio spassionato su una tavola completa che stia sotto i 150 euros?

Ad esempio, su dirtcorner.com ne ho viste diverse con queste caratteristiche (prezzo < 150), ma sceglierla da solo sarebbe praticamente come tirare una monetina!

Ah, unico particolare, sono alto più di 1e90, anche se piuttosto leggero (circa 80kg), se dovesse servire come informazione.

Grazie mille al tutti!
Hola!

Avatar utente
ilnaco
Messaggi: 5347
Iscritto il: 03/10/2011, 9:35
Team: Poserz
Località: Bologna Modena Ferrara

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da ilnaco » 29/04/2012, 16:32

Son molto pochi 150€, comunque tra tutte io direi questa:
http://dirtcorner.com/catalog/product_i ... cts_id=863
Che ti verrà 155€ spedita, però è una buona tavola per iniziare.
Quello che conta sono il rider e i gommini!
Smettetela di farvi paranoie su cosa comprare. Ruote, deck e truck contano poco!

elnoxee
Messaggi: 7
Iscritto il: 29/04/2012, 15:40

Re: Come Scegliere il primo longboard

Messaggio da elnoxee » 29/04/2012, 16:50

ok, vista la risposta credo di dovere rivedere i miei piani :).
Andando a spendere qualcosa di più, c'è qualcosa che vivamente consigli?

Scusa per la noia, ma qui mi sembrate davvero molto informati e disponibili! :)

grazie, ciao!

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti