LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Long Distance Pumping e Carving Setups
Avatar utente
staurasi
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/03/2016, 16:04
Località: Lucca

LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da staurasi » 24/01/2017, 17:27

Ho una tavola che è relativamente comoda da pushare ma non è specifica per long distance pushing:
http://www.mindlesslongboards.com/mindl ... ck-dt-iii/
Di solito mi mantengo in forma andando a correre ma ho paura a lungo andare di sollecitare troppo le articolazioni (specie su asfalto o terreni sconnessi) e il pushing con il longboard a prima vista mi pare uno sport meno traumatico, ma non avendo mai pushato per tempi lunghi non posso saperlo.

Non c'e' molta letteratura scientifica a riguardo perché è uno sport poco diffuso. Per questo chiedo a chi lo pratica da tanto tempo se ci sono rischi seri per articolazioni, tendini, schiena ecc. Se investire in un setup specifico è fondamentale per la salute o se è solo una questione di velocità e resistenza a lungo termine. A me basta fare il corrispettivo di 40 min di corsa 3 volte a settimana.

Ho già cercato in rete e trovato consigli su come pushare in modo efficiente e su come alternare i piedi (skogging e simili). Ma prima di farmi male apprezzerei un parere onesto da qualcuno di voi che lo pratica da tanto.

Grazie.
Mindless Maverick DT III

Avatar utente
Ele
Messaggi: 743
Iscritto il: 08/07/2014, 10:45
Località: Monza

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da Ele » 24/01/2017, 19:26

Rispondo per la mia esperienza in merito a quanto sia traumatico per le articolazioni: per me il pushing non lo è quasi per nulla, mentre il long distance pumping qualche affaticamento in particolare alle ginocchia lo può portare (vero mian? ;) ).

Mi spiego meglio io ho il piede/caviglia sinistra che sta insieme grazie ad una serie di chiodi, nonostante fisioterapia e riabilitazioni varie non ho mai ripreso a correre bene (giocavo a basket prima di scassarmi), troppo dolore ad ogni passo o comunque dopo brevissimi tratti con conseguente squilibrio della postura... mi sono avvicinata al long distance prima con il pumping per poi gradualmente introdurre il pushing e devo dire che raramente ho problemi di infiammazione a piede e caviglia. Certo se esagero a volte si fa sentire, ma considera che se corro faccio 500 mt e poi zoppico, sulla tavola fino a 20 km in genere non ho fastidio (e pusho solo con il piede incidentato! se imparassi a pushare anche con l'altro sarebbe meglio...)

Anche per le ginocchia il pushing dovrebbe essere abbastanza leggero come impatto traumatico, ma qui non ho esperienze dirette da portare.

Quanto al dispendio energetico non ci sono molti dati scentifici, ma per darti un'idea credo si possa dire che il long distance pushing/pumping si possa piazzare a metà strada tra la corsa e la bici, almeno io la vedo così. Bisognerebbe provare a confrontare dei dati, ma diciamo che se corri 40 minuti, probabilmente l'equivalente "a spanne" potrebbe essere 1h/1h e 15 di pushing, a seconda dell'intensità.

Sono curiosa di sapere cosa ne pensano gli altri ldpers, è molto interessante come tema :-)
"pusha caxxo!"

Avatar utente
staurasi
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/03/2016, 16:04
Località: Lucca

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da staurasi » 24/01/2017, 19:46

Grazie mille Ele per aver condiviso la tua esperienza diretta. Così come la descrivi sembra abbastanza incoraggiante e molto poco traumatico. Il pumping pensavo già di rimandarlo a quando avrò maggiore esperienza e un po' più di cultura sui setup (e qulche soldo in piu')

Spero anch'io che si aggiunga qualcuno, magari anche per sapere se posso macinare qualche km in sicurezza con la mia tavola.
Nel frattempo mi sto esercitando a spingere mongo e switch e mi sento parecchio impedito :D
Mindless Maverick DT III

Avatar utente
Airone
Messaggi: 1071
Iscritto il: 29/01/2013, 17:01
Sponsor: LeMieTasche
Team: Monte Stella Crew
Località: Milano
Contatta:

LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da Airone » 24/01/2017, 23:37

staurasi ha scritto: Nel frattempo mi sto esercitando a spingere mongo e switch e mi sento parecchio impedito :D
Ecco, questa è la soluzione e visto che ci stai provando continua e non te ne pentirai.

luc
Messaggi: 210
Iscritto il: 15/09/2015, 17:52

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da luc » 25/01/2017, 14:46

Secondo me il longboard è molto meno traumatizzante per caviglie e legamenti rispetto alla corsa... sempre che non cadi!
A livello di dispendio energetico mi sembra anche meno faticoso ma non credo che siano confrontabili: come tutto dipende da come vai! Relativizzando il concetto per me fare 8km di corsa alla media di 5min/km è come farli in LDP a 20km/h
(Ora come ora non riuscirei a fare ne l'uno ne l'altro!)

guidris
Messaggi: 145
Iscritto il: 16/09/2014, 21:58

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da guidris » 25/01/2017, 18:37

Anche io ti consiglio LDP al posto della corsa e lo dico da ex podista e ex maratoneta .
La corsa e' molto usurante specie dopo i 40 anni e io con i miei 55 adesso ho molti problemi dopo pochi km .
Il punto debole nel pump sono proprio le ginocchia ma generalmente se fai molti km e vai molto forte altrimenti e solo un gran divertimento .
Nel push invece e' importantissimo imparare ad alternare i piedi per evitare la asimmetria del gesto e dello sviluppo muscolare se si usa una sola gamba .
PROTEZIONI a testa , polsi , ginocchia , gomiti e alle anche sono sempre indispensabili perché' l' asfalto e' molto duro !

Avatar utente
mian
Messaggi: 983
Iscritto il: 15/04/2013, 10:58
Località: campagna cesenate

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da mian » 25/01/2017, 19:19

Ciao!

Certo, puoi ldpizzarti al posto della corsa. Se riesci ad essere costante, con almeno 3 allenamenti alla settimana (tempo permettendo) avrai già compiuto un ottimo esercizio per mantenersi in forma.
Riguardo al dispendio energetico come giustamente hanno già suggerito, dipende dalla velocità raggiunta.
Io per 22,43 km in 1h:18m dovrei aver consumato circa 1.200 kcal (visibile nell'allenamento https://www.endomondo.com/users/1437564 ... uts/latest ).

Fondamentale iniziare ad alternare le gambe da subito, così da imparare prima possibile.
Certo, la tavola attuale non ti aiuterà granchè. Più è bassa e più e facile pushare. Se è anche stabile, poi, diventa maggiormente semplice (con truck posteriore a 0° o giù di lì o con bracci tipo DT Delirium o GBomb Torsion Tail).
Col pushing i rischi ai tendini sono molto più limitati rispetto al pumping (le mie ginocchia ne sanno qualcosa... eheh). Ma... è fondamentale usare protezioni che salvino tutto il resto.
Perchè... rispetto alla corsa, la possibilità di tombolar per terra sono più alte e... quando precipiti sull'asfalto, avere ginocchiere, polsiere, gomitiere e un buon casco è fondamentale per limitare i danni (e magari uscirne solo leggermente escoriato... ).

Quindi... procedi pure col riempire il salvadanaio. Ti servirà! :)

p.s. su Fb, Richard Cole ha un Pantheon Wanderlust già pronto all'uso a 250 euris spedito.
Immagine

Coppoluto
Messaggi: 128
Iscritto il: 06/02/2015, 23:08

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da Coppoluto » 25/01/2017, 20:42

Anche secondo me la corsa è più traumatica del pushing.
Durante la pushata non tutto il peso ricade sulla gamba a terra, buona parte rimane sulla tavola in modo che il piede "sfiori" l'asfalto senza sbilanciarsi troppo; in questo modo lo sforzo deve essere gestito dal ginocchio sulla tavola come se si trattasse di un affondo, ovvero senza permettere all'articolazione di allontanarsi troppo (anteriormente o lateralmente) dal baricentro del corpo. Inoltre va considerato che la frequenza di spinta è molto minore che nella corsa. A volte ho notato un leggero fastidio alla pianta del piede di spinta, anche dopo sessioni leggere, ma ho risolto grazie a delle comode scarpe da running, magari leggermente ammortizzate (prima usavo delle sneakers da skate a suola piatta).
In pumping secondo me i problemi sono molto limitati se si esegue una spinta perpendicolare alla direzione di moto; in questo modo le ginocchia non eseguono movimenti di torsione ma solo di leggera flessione, stesso discorso per la schiena (movimento a onda).
Penso che non siano da sottovalutare le vibrazioni: se non ti interessa la velocità consiglierei ruote molto morbide, in modo da poter assorbire al meglio le asperità del terreno, e riser in gomma (io me li autocostruisco con della gomma con struttura "a bolle")

Avatar utente
staurasi
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/03/2016, 16:04
Località: Lucca

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da staurasi » 26/01/2017, 0:02

Prendo nota di tutto :D Grazie

Le mie ruote non sono supermorbide (83a) ma grandine (76mm) e quindi abbastanza confortevoli.
A dei riser "ammortizzati" non ci avrei mai pensato. Sulla mia attuale che è dropthrough ridurrei anche l'altezza della tavola da terra ma dovrei verificare di non incorrere in wheelbites.
Per ora tengo tutto com'e' e continuo a fare tentativi in switch/mongo. Poi faro' qualche chilometro e successivamente vedrò se spendere qualcosa in un buon setup per push o per pump.
Mindless Maverick DT III

guidris
Messaggi: 145
Iscritto il: 16/09/2014, 21:58

Re: LDP (pushing) sport aerobico pro e cons

Messaggio da guidris » 26/01/2017, 14:55

Vedo che sei di Lucca e io invece di Montecatini Terme !
Se più' avanti vuoi provare le differenze di una tavola più' specifica io ho una Illuminati della Subsonic e se ci incontriamo puoi' farci un giro .

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite